Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • Questionario  » La tua opinione sull'Agorateca

    Questionario » La tua opinione sull'Agorateca

    A sei mesi dall'apertura, l'Agorateca vi chiede di valutare la vostra esperienza e dare suggerimenti
  • No Planet B  » Le radici

    No Planet B » Le radici

    24 febbraio, ore 20,00, incontro pubblico per "disegnare" insieme il nuovo giardino dell'Agorateca
  • Epicentro  » L'invenzione delle razze

    Epicentro » L'invenzione delle razze

    Guido Barbujani ospite di Spiragli, il 7 marzo 2020 alle ore 18,00 in Agorateca
  • Daniela Lella  » Le avventure di Penny

    Daniela Lella » Le avventure di Penny

    venerdì 6 marzo, alle ore 18, presentazione del libro con l'autrice e laboratorio creativo
  • La Community del ReStyle  » Nuova vita ai vecchi vestiti

    La Community del ReStyle » Nuova vita ai vecchi vestiti

    Corso di manualità e creatività con la comunità dell'Agorateca, a cura di Annalisa Colonna

Sabato 12 ottobre, alle ore 11,00, in esclusiva per l'Agorateca, "Il deserto e la neve", uno spettacolo della Compagna di teatro e suono "LunA", prodotto da suonidellamurgia.net

Il deserto e la neve è una narrazione con musica dal vivo, uno spettacolo ispirato ad una storia vera che parla di diversità dialogo tra culture diverse. Un atto unico che vede in scena:

Adolfo La Volpe - oud e chitarra portoghese

Carlo La Manna - narrazione e basso

Luigi Bolognese - chitarre

Francesco Savoretti - percussioni e colori

Carlo La Manna

 

Nella primavera del 2001, in una piccola frazione di circa 300 abitanti, una coppia di giovani arabi affitta una casa vicino ad un convento di frati francescani. La loro presenza disturba fin da subito la quiete del paese: la comunità, composta solo da contadini e artigiani originari del luogo, non ha mai avuto contatti con “stranieri”, specialmente musulmani e la nuova famiglia viene isolata. I frati, Santino e Bulio, osservano questa nuova situazione e si chiedono come possano far incontrare queste due culture così diverse e apparentemente così lontane. Una mattina, dopo le lodi, decidono di bussare alla porta di Adel e Amina e, come segno d’amicizia, portano con sé i pomodori e l’insalata che loro stessi coltivano ma Adel, rifiuta ogni dono e gentilmente li invita a non occuparsi di loro...