Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • Questionario  » La tua opinione sull'Agorateca

    Questionario » La tua opinione sull'Agorateca

    A sei mesi dall'apertura, l'Agorateca vi chiede di valutare la vostra esperienza e dare suggerimenti
  • No Planet B  » Le radici

    No Planet B » Le radici

    24 febbraio, ore 20,00, incontro pubblico per "disegnare" insieme il nuovo giardino dell'Agorateca
  • Epicentro  » L'invenzione delle razze

    Epicentro » L'invenzione delle razze

    Guido Barbujani ospite di Spiragli, il 7 marzo 2020 alle ore 18,00 in Agorateca
  • Daniela Lella  » Le avventure di Penny

    Daniela Lella » Le avventure di Penny

    venerdì 6 marzo, alle ore 18, presentazione del libro con l'autrice e laboratorio creativo
  • La Community del ReStyle  » Nuova vita ai vecchi vestiti

    La Community del ReStyle » Nuova vita ai vecchi vestiti

    Corso di manualità e creatività con la comunità dell'Agorateca, a cura di Annalisa Colonna

andra e tatiIl 27 gennaio è la Giornata della Memoria, giorno nato per ricordare le vittime dell'Olocausto o Shoah, come chiamata dal popolo ebraico.

L'Agorateca propone un laboratorio di scrittura creativa con i bambini.

La prima parte del laboratorio prevede la proiezione di "La stella di Andra e Tati", il primo cartoon che racconta la Shoah vista con gli occhi di due bambine di 4 e 6 anni che ha trionfato al Banff World Media Festival, in Canada, dove la pellicola ha vinto il Rockie Award quale miglior produzione in animazione per ragazzi.

Nella seconda parte, si leggerà un passo del testo “Immagina di essere in guerra” di Janne Teller, per immaginare insieme cosa succederebbe se fossimo noi a dover vivere l'esperienza di un rifugiato di guerra. 
Dopodiché il workshop prosegue con la lettura e il commento di un estratto del "Diario di Anne Frank" degli autori Ari Folman e David Polonsky, a oltre 70 anni dalla sua pubblicazione. 
I ragazzi, inoltre, si immedesimeranno nella figura di Kitty, amica e destinataria delle lettere di Anna, rispondendo a una delle lettere. 
Per cercare di dare libero spazio alla creatività, la risposta potrà essere in forma scritta, accompagnata da alcuni disegni, dando vita così a vignette fumettistiche.